Al termine della sfida con la compagine siciliana della Lighthouse Pallacanestro Trapani,  l’head coach della Benacquista Assicurazioni Latina Basket, Franco Gramenzi, in sala stampa ha commentato la partita.

time-outIl commento di coach Gramenzi – In sala stampa, al termine della sfida con la formazione siciliana della Lighthouse Pallacanestro Trapani il capo allenatore della Benacquista ha commentato: «Non abbiamo fatto sicuramente una buona partita, ne salvo pochi nella serata. E’ una gara iniziata male, secondo me anche dal tipo di arbitraggio che c’era, ed è finita peggio. Peccato perché eravamo rientrati in partita nell’ultima parte, ma  abbiamo fatto degli errori banali. Anche negli ultimi minuti potevamo tranquillamente giocarcela punto a punto fino alla fine, ma  non siamo arrivati a quel canestro che forse avrebbe cambiato l’ultimo minuto. Ovviamente abbiamo affrontato una squadra molto, molto forte, a mio avviso una delle migliori del campionato. Trapani ha tutti giocatori di grandissima esperienza e va, quindi, riconosciuto anche il merito degli avversari. Rispetto alla passata stagione ha aggiunto soltanto Tavernelli e Scott, ma l’ossatura della squadra è rimasta la stessa. E’ gente che si conosce e che gioca bene insieme e quindi un avversario più difficile da affrontare. Nonostante questo, avremmo potuto vincere la partita se non ci fosse stata l’assenza di Uglietti, se avessimo fatto alcune scelte migliori in campo e se ci fosse stato un arbitraggio normale».

Alla domanda su quali siano gli aspetti che hanno meno soddisfatto e quali le cose da migliorare in vista della prossima sfida, coach Gramenzi ha risposto pastore-poletti-allodi-difesache:«avremmo sicuramente dovuto utilizzare meno il palleggio, mentre lo abbiamo usato tantissimo, non riuscendo quindi a colpire determinati avversari e a fare determinate cose. Per affrontare al meglio la prossima sfida sarebbe importante avere la squadra al completo, ma sarà dura perché Uglietti sicuramente avrà bisogno di più tempo per recuperare. Inoltre, cambiando avversario, cambiano le situazioni e, quindi, prepareremo la gara studiando la formazione che ci troveremo di fronte».

keron-deshields-2Alla domanda di chiarire cosa abbia comportato una prima parte di gara molto buona da parte di DeShields e un secondo tempo totalmente diverso per il play statunitense, il capo allenatore della Benacquista ha precisato che: «evidentemente anche nella parte iniziale non si è trattato di una buona partita, nel senso che a volte quello che appare non è sempre è ciò che si cerca di fare. Quando si ottiene il risultato utilizzando tanti palleggi e con situazioni forzate, arriva poi il momento in cui questo modo di agire non ripaga ed è esattamente quello che è accaduto. DeShields è un giocatore giovane e sta disputando i suoi primi mesi in questo campionato, avrà quindi bisogno di continuare a lavorare. Probabilmente nel prossimo mese di gennaio o di febbraio saprà capire meglio i momenti delle partite, come attaccare senza avere fretta e come giocare meglio insieme ai compagni. E’ chiaro che noi, essendo una squadra giovane, con un playmaker giovane, facciamo fatica a contrastare avversari forti e di grande esperienza come Trapani».

Lunedì di riposo per la squadra latinense e da martedì di nuovo tutti al lavoro in palestra in vista della trasferta in terra campana di domenica 4 dicembre, quando la Benacquista andrà a far visita alla formazione del Basket Agropoli di capitan Riccardo Santolamazza. Palla a due alle ore 18:00 sul parquet del Palacilento.

Donatella Schirra
Ufficio Stampa
Latina Basket