Si è concluso questa mattina l’innovativo progetto della Benacquista Assicurazioni Latina Basket legato all’alternanza scuola/lavoro con l’Istituto Steve Jobs di Latina. Il club pontino, su richiesta dell’istituto scolastico, ha organizzato numerosi incontri in cui sono stati affrontati i vari temi legati alla conduzione di una società sportiva sia dal punto di vista tecnico, che gestionale. Un ringraziamento particolare è doveroso nei confronti della Preside dell’Istituto Vittorio Veneto di Latina, Diana Colongi, che ha messo a disposizione la meravigliosa Aula Magna della scuola per ospitare i ragazzi e il personale nerazzurro. 

Alternanza scuola/lavoro con i ragazzi del Liceo Sportivo dello Steve Jobs – Un progetto innovativo efoto-1 molto interessante quello organizzato dalla Benacquista Assicurazioni Latina Basket sulla base di una proposta ricevuta dall’Istituto Steve Jobs di Latina, che ha reso protagonisti gli studenti del terzo e quarto anno del Liceo Sportivo. Un progetto legato all’alternanza scuola/lavoro mirato a mostrare ai ragazzi come nasce e come viene gestita una società sportiva, quali sono i meccanismi che la muovono, quali le figure e i ruoli che consentono al club di organizzare al meglio il lavoro e raggiungere gli obiettivi prefissati. Per la società nerazzurra si è trattato di un’ulteriore opportunità per dare spazio, voce e rilevanza ai giovani e per diffondere il concetto di importanza dello sport nella vita dei ragazzi, oltre che per promuovere la magia della pallacanestro a tutti i livelli, partendo dal minibasket e approdando ai campioni della Serie A2.

foto-11Collaborazione e scambio culturale tra le scuole di Latina – Il progetto, iniziato lo scorso 16 maggio, è andato in scena nella meravigliosa location dell’Aula Magna dell’Istituto Vittorio Veneto di Latina, grazie alla grande disponibilità della Preside della scuola, Diana Colongi, che ha incarnato al meglio lo spirito di collaborazione e scambio culturale tra gli istituti scolastici di Latina e che ha messo a disposizione degli incontri previsti dal progetto, anche la palestra della scuola.

Dietro le quinte di una società sportiva – Nel corso delle foto-12settimane, si sono alternati diversi relatori e gli studenti dello Steve Jobs, sempre partecipi e attenti, hanno avuto la possibilità di conoscere da vicino i vari aspetti legati all’organizzazione del club nerazzurro. Sono stati affrontati temi legati alla programmazione di una stagione sportiva con il capo allenatore della prima squadra Franco Gramenzi e il vice allenatore Giuseppe di Manno, alla promozione di eventi sportivi e alla potenzialità dei social con il Direttore Sportivo Luca Rallo, alla settimana di preparazione prima di una partita con il Responsabile Tecnico del Settore Giovanile coach Massimiliano Briscese, all’analisi di mercato con il Team Manager Mauro Giancarli, alle prove pratiche in palestra con il preparatore fisico Marco Ranalli, all’organizzazione e programmazione di un evento sportivo con il Responsabile del Settore Minibasket Fabio Bagni.

foto-10In occasione di questa ultima giornata di incontri, oltre al saluto del Commendator Lucio Benacquista, che ha ringraziato i ragazzi per l’attenzione che hanno dedicato a questo progetto, il personale docente dell’istituto che lo ha reso possibile, e la Preside del Vittorio Veneto per la gentile ospitalità,  si è anche parlato di comunicazione, della gestione dell’ufficio stampa di una società sportiva, dell’importanza dei testi, ma anche delle immagini con l’addetto stampa Donatella Schirra e con la fotografa ufficiale Sonia Simoneschi.

 

È stata una mattinata coinvolgente e, in parte, fuori dagli schemi. I ragazzi sono stati invitati a essere foto-8protagonisti, ad abbandonare a turno i panni di alunni e a vestire quelli di “addetti ai lavori” improvvisandosi intervistatori, promotori di nuovi slogan, fotografi e intrattenitori di platee. Si sono dimostrati interessati e collaborativi: dopo aver ascoltato i racconti nerazzurri, si sono raccontati a loro volta.

foto-4Sono emerse le loro passioni sportive, le diverse discipline scelte e le motivazioni dalle quali sono scaturite, ma anche e soprattutto la loro gioventù, il loro senso dell’umorismo, la loro voglia di mettersi in gioco. Non hanno avuto timore nel parlare al gruppo, non si sono tirati indietro di fronte alla richiesta di identificarsi con un aggettivo, hanno improvvisato alla richiesta di creare un nuovo slogan per la Latina Basket preceduto dal noto “cancelletto”.

Un’esperienza interessante sia per lo staff nerazzurro, che ha foto-2appreso dati importanti dal confronto con i giovani studenti, sia per gli alunni che hanno avuto modo di scoprire un po’ di più il mondo della palla a spicchi e, chissà, magari nella prossima stagione li vedremo sulle tribune del palazzetto a sostenere la nostra squadra dietro uno striscione con la scritta #NoiSiamoLatina. Il progetto si è concluso con la consegna di una t-shirt Latina Basket, la classica foto ricordo tutti insieme e il saluto con l’urlo finale: “1, 2, 3 Noi!”.

Donatella Schirra
Ufficio Stampa
Latina Basket